Perchè ancora si fanno incontri di sesso a pagamento?

Il sesso secondo le diverse interpretazioni

Il sesso non rappresenta esclusivamente il soddisfacimento di una pulsione interiore ma, soprattutto, una forma di espressione della propria personalità più recondita volta al piacere estremo. Non tutti mostrano il medesimo interesse per il sesso, per alcuni costituisce un’abitudine, per altri un passatempo, per altri ancora, quasi una ragione di vita, si tratta dunque di una vera e propria interpretazione che differisce a seconda dell’individuo. Vivere il sesso come gioco e con la dovuta leggerezza costituisce la modalità più intrigante per rapportarsi agli altri, in quanto la scoperta e l’appagamento dei fremiti altrui rappresenta la più ampia forma di auto celebrazione.

Il sesso a pagamento

Il sesso a pagamento nasce con la nascita del mondo, infatti sin dalle epoche antiche veniva praticato il meretricio e le donne presenti nelle case di tolleranza accoglievano i viandanti offrendo le proprie grazie, ricevendo un sacchetto di monete da dividere con la matrona che gestiva la struttura. Spesso i pagamenti non avvenivano mediante denaro ma con la promessa di un esito positivo, di una promozione, di un lavoro più interessante, si tratta di temi che traggono origine nell’antichità ma, per la stringente attualità, trovano applicazione anche al giorno d’oggi. Per gli uomini, in particolare, il sesso a pagamento è estremamente eccitante in quanto colloca la donna in una situazione di sottomissione e l’uomo in una posizione di preminenza, condizione che poi, durante l’atto vero e proprio, può anche venire sovvertita in una sorta di scambio dei ruoli. Pensare di incontrare una donna a pagamento, se per alcuni viene intesa come una caduta di stile, ossia come un’incapacità ad abbordarne una semplicemente applicando le regole del corteggiamento e della seduzione, invece per altri, un piccante incontro di sesso a pagamento consente di esprimere al massimo le proprie voglie, senza vergogna o condizionamenti, ma esclusivamente con il desiderio di godere appieno.

Il desiderio di mettersi alla prova

Quando si parla di sesso a pagamento si trascura spesso un dettaglio essenziale per chi si propone e per chi ne usufruisce: il desiderio di mettersi alla prova. Con ciò si vuole intendere la voglia di capire fin dove il proprio corpo riesce a spingersi per trovare piacere e il denaro costituisce certamente un’ottima moneta di scambio nell’eterno gioco della seduzione. La donna si presenta bella, attraente e disponibile, mentre l’uomo spiega esattamente cosa cerca e tira fuori le banconote, proprio come accadeva nei celebri film erotici di molti anni fa, in cui talvolta l’universo maschile e femminile si incontravano in tale reciproco scambio di dare ed avere.

Siti di incontri

Il web è forirero di nuovi incontri, grazie alla presenza di numerosi siti internet come incontridoc.com che propongono sesso a pagamento, con annunci pubblicati direttamente dalle donne che si presentano al pubblico, come escort o semplici sperimentatrici della sessualità, oppure da organizzazioni che mettono in rete i riferimenti delle operatici del settore, contattabili per telefono o email. Internet consente anche agli uomini più timidi di abbandonare la propria ritrosia ed individuare una tipologia di donna perfetta per trascorrere una serata frizzante o, perchè no, instaurare una trombamicizia duratura nel tempo, come punto di riferimento per i giorni in cui ci si annoia e si vuole solamente un letto caldo in cui rilassarsi in compagnia. Per godere appieno ed immergersi nelle atmosfere del proibito, è fondamentale lasciare fuori ogni remora o pregiudizio in quanto il divertimento trae origine proprio nelle situazioni pù impensate e il fatto di pagare per una prestazione non deve essere considerato come un demerito ma come un punto aggiuntivo per una performance di maggiore interesse, magari con una donna trasgressiva e spregiudicata che non aspetta altro di trovare un compagno di giochi con cui condividere degli intensi attimi di passione senza impegno.

No Responses

Leave a Reply